Clara Driscoll, la famosa lighting designer, è nata nel 1861 a Tallmadge, Ohio. Ha continuato a specializzazione e poi si è unita al Metropolitan Museum of Art di New York. Divenne poi regista ai Tiffany Studios e vi rimase per 20 anni. È una designer, ma anche una direttrice di Tiffany, una direttrice di laboratorio, artista e imprenditrice.

Il designer della lampada con paralume Tiffany

Lampade in vetro colorato sono state create nel 1895 negli Stati Uniti. La scoperta di questo tipo di lavoro è stata attribuita a Louis Comfort Tiffany, un esperto di vetro colorato. Oltre agli apparecchi, l'azienda ha anche realizzato paralumi, vasi, ecc.

Con l'assunzione di Clara Driscoll, l'istituzione ha visto il suo catalogo cambiato. Il lavoro di Clara in Tiffany Studio era quello di gestire il laboratorio di design di lampade e luci. Ha progettato diversi modelli tra cui Wisteria, lampade Dragonfly, peonie, ecc. Ha anche creato paralumi utilizzando un materiale foglia di rame.

Ciò ha comportato l'imballaggio dei bicchieri di rame e poi la saldatura dei bordi con piombo. Clara Driscoll era responsabile del taglio e della creazione delle vetrate utilizzate. Il suo team era composto da donne e adottò il nome Tiffany Girls.

Lo stilista ha lavorato con altri artisti di talento come Alice Carmen Gouvy o Lillian Palmié. Alice si è curata con gli acquerelli di piante, fiori e decorazioni ispirate alla natura.

La popolarità dei Tiffany Studios ruotava intorno alle lampade dello studio di Clara Driscoll. Le lampade erano utilizzate come apparecchi di illuminazione ed erano anche oggetti decorativi. La forma adottata era unica e artistica.

C'erano lampade da tavolo, lampade da tavolo, lampade da comodino e lampade a motivi animali.

Clara Driscoll e Tiffany Studios

Mentre lavorava ai Tiffany Studios, Clara Driscoll era responsabile della gestione di un laboratorio. Era la leader e responsabile dei colori e degli occhiali utilizzati. È stata anche coinvolta nel taglio e nella regia.

Le sue opere erano di proprietà di Louis Comfort Tiffany. Ma dietro la fama di queste opere, è stata Clara a farli. Prima dell'arrivo di Tiffany, i modelli e i modelli adottati dall'azienda erano statici e geometrici.

Clara Driscoll è ora riconosciuta come la direttrice di queste opere a seguito dell'analisi delle lettere che ha scritto alle sue sorelle e a sua madre. L'analisi è stata condotta da Martin Eidelberg, Margaret K. Hofer e Nina Gray. Questa corrispondenza ebbe luogo tra il 1861 e il 1964 e portò alla conclusione che era Clara l'artista e non Louis. Le lettere sono ora conservate presso la Queens Historical Society.

Il suo lavoro artistico

Clara Driscoll è riconosciuta come un'artista a sé stante. È una maestra vetrerata. Il suo rating sul mercato dell'arte è molto alto. Tra le opere più costose di Clara Driscoll c'è la lampada Tiffany Wistéria

Quando è stato rilasciato nei negozi, l'articolo è costato 450 dollari. Già a quel tempo, le opere di questo maestro vetreggiatore sono stati riconosciuti a causa dei loro prezzi. Nel 1905, il prezzo del Wisteria aumentò. La lampada costa 492.500 dollari. La lampada Lotus, d'altra parte, ha raggiunto i 116.500 dollari all'asta.

Queste opere sono esposte anche in musei come il Montreal Museum of Fine Arts. Le foto di queste lampade circolano anche in tutta la rete. I materiali per farli sono vetro, piombo e bronzo. Queste opere sono anche in mostra nel Museo della New York Historical Society.

Diversi paralumi Dragonfly dragonfule sono stati presentati anche durante un'Esposizione Universale a Parigi, Francia, e altri durante una mostra a Londra nel 1899.

Ma la più famosa di queste opere è la lampada Pavone Pavone. È stato prodotto nel 1905. Questa lampada è stata una delle più costose del Louis Comfort Tiffany. La stima del prezzo è molto alta, in quanto l'articolo è costituito da bicchieri tagliati (più di 1000 pezzi). Ogni pezzo viene poi rivestito con nastro adesivo in rame.

I colori del pavone così come i modelli delle piume e l'occhio sono evidenziati sulla lampada. Il piede dell'oggetto è decorato con viticci di viti.

Missione Alamo

Clara Driscoll è anche una donna d'affari. Era una delle donne più pagate al mondo al momento, in quanto il suo stipendio poteva essere alto come 10.000 dollari. Ma oltre ad essere una donna d'affari, è anche una storica conservatrice.

Ha donato per aiutare la missione Alamo a San Antonio. Fu poi onorata da uno storico marcatore del Texas nel 1967. Il marcatore è stato posizionato a San Gabriel Avenue a 2312. Fu anche onorata da un altro marcatore del Texas (numero 1287) nel 1978.

La missione di Alamo era quella di salvare Alamo, conosciuta anche come Mision San Antonio de Valero. Questa è una storica missione spagnola. È una fortezza costruita nel XVIII secolo. Prima, Alamo era il luogo della battaglia di Alamo.

Le azioni di Clara Driscoll ad Alamo

Dopo essere tornato in Europa intorno al 1898, Clara Driscoll fu colpita dalla situazione di Alamo. Ha anche detto al Sans Antonio Express che gli antiestetici ostruzioni vicino ad Alamo dovrebbero essere rimossi. Nel 1903, Clara Driscoll fu offerta di unirsi alla comunità "Girls of the Republic of Texas" da Adina Emilia de 'avala.

La comunità voleva raccogliere fondi per comprare la lunga caserma di Alamo. Clara Driscoll stava contribuendo la somma necessaria per questo acquisto. Lo stato approvò quindi la conservazione di Alamo e rimborsò Clara nel 1905. In seguito, la caserma, la chiesa e la missione furono ufficialmente consegnate alle "ragazze della Repubblica del Texas".

Ma nonostante questo, i progetti di ristrutturazione sono stati avviati dal governo. Clara Driscoll ha preso provvedimenti per vietare questo lavoro. Ha poi ottenuto un'ingiunzione contro il progetto. Di conseguenza, dal 1913, le "ragazze della Repubblica del Texas" sono diventate custodi della missione.

Clara, da parte sua, ha continuato a lavorare per preservare Alamo. Ci ha dedicato tutta la sua vita. Ha anche investito una notevole quantità di denaro nella missione ancora una volta nel 1932. Ha pagato 70.000 dollari per comprare più proprietà intorno al santuario.

Continuò la sua battaglia per conto di Alamo, perché nel 1933 fu in grado di respingere gli ingegneri che volevano espandere Houston Street e quindi toccare una parte di Alamo.

L'imprenditrice ha poi istituito una stazione dei pompieri nei pressi di Alamo nel 1935 e ha celebrato i centenari della missione nel 1936. Morì nel 1945.